×
bureau Avviso

Comunicato
In conseguenza del DPCM n. 18,pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 17 marzo 2020, viene confermato che fino a data da destinarsi
le lezioni dei corsi proseguiranno regolarmente in modalità a distanza, come gli esami di profitto che si svolgeranno in modo da assicurare
la presenza on-line della Commissione d’esame, i cui componenti saranno collegati con l’aula virtuale, e con la contemporanea presenza in rete
di almeno due studenti oltre all’esaminato. Contestualmente i Presidenti predisporranno il verbale GOMP.
In un tempo di emergenza l’Università’ “G. Fortunato” assicura la regolare continuazione delle sue attività di istituto grazie all’esperienza maturata,
che proprio in condizioni come le attuali conferma l’efficacia e la validità delle Università telematiche, in grado di mantenere un continuo colloquio
tra corpo docente, tutors e studenti in virtù di una organizzazione amministrativa e di una tecnologia consolidate.

Master di II Livello - Relazioni Internazionali | Università Telematica Giustino Fortunato

Master di II Livello – Relazioni Internazionali

L’Università Telematica “Giustino Fortunato”istituisce per l’Anno Accademico 2017/2018, il Master universitario di II livello in Esperti in politica delle relazioni internazionali, interculturali e in protezione dei diritti umani, ex art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n.270 e successive modifiche/integrazioni ed in conformità al Regolamento Master Universitario di I e di II livello.

Il master è rivolto a quanti sono interessati a carriere internazionali e viene strutturato in due cicli.

Il primo offre gli strumenti per una formazione di carattere teorico-pratico, attraverso lezioni, esercitazioni e seminari.

Il secondo è dedicato allo svolgimento di tirocini presso uffici di organizzazioni internazionali, organizzazioni non governative ed istituti di ricerca.

Il Master fornisce tutte le conoscenze necessarie a livello giuridico, storico, economico, sociologico e linguistico per esperti in relazioni internazionali e interculturali che debbano operare nelle Istituzioni Italiane, in quelle dell’unione Europea e nelle Organizzazioni internazionali.