Requisiti di ammissione

Può accedere al corso di laurea magistrale in Psicologia comportamentale e cognitiva applicata chi sia in possesso di uno dei seguenti titoli di studio, conseguito in un ateneo italiano o europeo:
– laurea triennale nella classe L-24 (Scienze e tecniche psicologiche) dell’ordinamento 270
– laurea triennale nella classe 34 (Scienze e tecniche psicologiche) dell’ordinamento 509
– laurea quinquennale in Psicologia del “vecchio ordinamento”
– qualunque altra laurea triennale, laurea specialistica, laurea magistrale, laurea del “vecchio ordinamento”, a condizione di avere acquisito competenze in ambito psicologico per almeno 88 crediti, dei quali almeno 8 per ciascuno dei settori scientifico-disciplinari M-PSI/01, M-PSI/02, M-PSI/03, M-PSI/04, M-PSI/05, M-PSI/06, M-PSI/07 e M-PSI/08.
I requisiti curricolari possono essere acquisiti attraverso l’iscrizione a singoli insegnamenti e il superamento del relativo esame.

La verifica del possesso di un’adeguata preparazione può avvenire attraverso prove o sulla base di specifici parametri, in base a quanto stabilito dal Regolamento del corso di studi.

 

Obiettivi formativi specifici del Corso e descrizione del percorso formativo 

Il percorso formativo del corso di laurea magistrale in Psicologia Comportamentale e Cognitiva Applicata è finalizzato a formare lo studente dal punto di vista concettuale e metodologico nell’ambito delle applicazioni della psicologia comportamentale e cognitiva, come per esempio nelle aree dell’invecchiamento cognitivo,della neuropsicologia, dell’apprendimento e dei suoi disturbi, della riabilitazione cognitiva, degli interventi terapeutici e riabilitativi rivolti alla persona e del potenziamento comportamentale e cognitivo della persona. Il punto di partenza sarà una riflessione sui processi implicati in questi diversi ambiti, cui sarà affiancata la presentazione degli strumenti normalmente utilizzati per la valutazione, per lo sviluppo di percorsi di intervento e potenziamento in diverse fasce d’età (bambini, giovani,anziani). La formazione specifica è arricchita dalla presentazione di applicazioni della Psicologia Comportamentale e Cognitiva in altri ambiti affini che permettono di generalizzare le conoscenze che lo studente ha acquisito, migliorando la flessibilità e l’uso delle sue competenze.
Lo studente alla fine del Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Comportamentale e Cognitiva Applicata sarà in grado di affrontare percorsi formativi e professionali che lo renderanno adatto a rispondere alle richieste in vari ambiti quali la Scuola, la Clinica, il mondo del Lavoro e in rilevanti ambiti interdisciplinari che attingono alle conoscenze della Psicologia Comportamentale e Cognitiva.
La Psicologia Scientifica nel mondo ha trovato le sue fondamentali forme di legittimazione nell’ applicazione di tecniche di intervento ai vari settori (dalla scuola alle organizzazioni) caratterizzati da prove di efficacia (evidence based). Questi studi hanno costituito le premesse per lo sviluppo di settori psicologici specifici in ambito applicativo un esempio dei quali, che ha avuto particolare risonanza internazionale, è il progetto Improving Access to Psychological Therapies (IAPT) implementato dal Servizio Sanitario Britannico che ha portato alla apertura di 350 centri di psicoterapia basata sull’evidenza scientifica ed alla assunzione di 10.000 psicoterapeuti comportamentali e cognitivi. Per fare un esempio, tematiche come la la valutazione dei processi cognitivi, la modificazione del comportamento e delle competenze cognitive nei diversi settori applicativi (scuola, lavoro, servizi sanitari)e le applicazioni comportamentali e cognitive alle problematiche derivanti dall’ invecchiamento cognitivo hanno avuto impressionanti ricadute, ad esempio, negli ambiti della Psicodiagnostica, della Psicoterapia e della riabilitazione, La formazione del laureato magistrale in Psicologia Comportamentale e Cognitiva Applicata è basata sull’applicazione delle acquisizioni della psicologia scientifica ai diversi ambiti della professionalità psicologica, dall’ambito della scuola, a quello delle problematiche del ciclo di vita, della diagnosi psicologica, della psicologia clinica e della ricerca. Per sua tradizione la Psicologia Comportamentale e Cognitiva si è radicata nella ricerca di base ed è quindi particolarmente sensibile a ricercare e implementare metodiche controllate per la prevenzione, la diagnosi,
l’ intervento e la valutazione dell’efficacia dell’intervento stesso, nei contesti di applicazione della psicologia. Un altro aspetto significativo del Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Comportamentale e Cognitiva Applicata è l’importanza che viene data alla valutazione continua degli esiti degli interventi con metodologie scientifiche ed oggettive. Pertanto lo studente impara non solo le basi teoriche e gli ambiti applicativi, ma anche come valutare i risultati ottenuti al fine di un miglioramento continuo degli interventi utilizzati.

Il corso di laurea ha di norma una durata di due anni. Il tempo riservato allo studio personale, di norma, è pari almeno al 60% dell’impegno orario complessivo con possibilità di percentuali minori per singole attività formative ad elevato contenuto sperimentale o pratico.
Per conseguire la laurea lo studente deve aver acquisito almeno 120 crediti formativi universitari, ivi compresi quelli relativi alla prova finale.
Superato l’esame finale di laurea lo studente consegue il diploma di laurea in Psicologia Comportamentale e Cognitiva Applicata.
Il corso di studio offre un unico percorso formativo strutturato in attività didattiche varie incluse lezioni frontali, esercitazioni, seminari ed attività di laboratorio.
Durante il I anno viene potenziata l’acquisizione di conoscenze di base nei settori che caratterizzano la psicologia comportamentale e cognitiva.
Gli insegnamenti del II anno riguardano in modo più specifico la possibilità di ulteriori approfondimenti settoriali con particolare enfasi sulle conoscenze connesse alle competenze operative ed applicative della psicologia comportamentale e cognitiva.

Il Corso di studi infine offre alcune innovative attività a distanza che hanno “valenza di tirocinio formativo e di orientamento” per un totale di 8 CFU. Si tratta di conoscenze utili per l’inserimento nel mondo del lavoro che sono sviluppate attraverso attività di laboratorio a distanza guidate da docenti e tutor esperti, nelle quali lo studente, posto davanti a problemi pratici da risolvere, apprenderà l’utilizzo di strumenti, metodologie e applicativi progettati per il web ma coerenti con situazioni di vita reale. Tali attività sono caratterizzate da applicazioni concrete che vengono simulate in ambito virtuale, così che lo studente possa apprendere a sviluppare risposte coerenti con i problemi che dovrà affrontare in ambito reale. Queste attività, sostitutive degli apprendimenti esperenziali, sono una caratteristica del modello didattico dell’Università Giustino Fortunato.