Il modello formativo proposto dalla UniFortunato ha inteso rispondere a pieno allo spirito del Decreto Ministeriale del 17 aprile 2003.

Si è pertanto realizzata una sofisticata “piattaforma tecnologica” (Learning Management System, LMS), la quale permette – attraverso l’utilizzo di una connessione in rete – la fruizione di materiali didattici e lo sviluppo di attività formative con modalità sincrone e/o asincrone, garantendo un alto grado di indipendenza del percorso didattico, privo dei vincoli della presenza fisica e dell’ orario specifico.

L’aula virtuale è il luogo dell’apprendimento.
Ogni aula virtuale è composta da un massimo di 30 studenti, seguiti da un tutor che ha tra l’altro il compito di monitorare il livello di apprendimento di ogni singolo studente, sia attraverso il tracciamento del percorso formativo, sia attraverso frequenti momenti di valutazione ed autovalutazione.

Studiare on-line, seguire una lezione E-learning, avere una risposta da parte di un docente o di un tutor sono attività agevoli ed immediate. L’E-learning prevede, inoltre, la valorizzazione della multimedialità, che permette una effettiva integrazione tra diversi media per favorire una migliore comprensione dei contenuti, e l’interattività sia umana, con docenti, tutor altri studenti, per favorire la creazione di contesti collettivi di apprendimento, sia dei materiali, per favorire percorsi di studio personalizzati ottimizzando in questo modo l’apprendimento.


Cosa significa, quindi, studiare alla UniFortunato?
Unifortunato da un lato offre la possibilità di personalizzare l’agenda di studio, grazie ad un sistema aperto e flessibile ed alle lezioni dei docenti sempre presenti in piattaforma; dall’altro lato fornisce il supporto tecnologico più utile a ripristinare la dimensione sociale del rapporto educativo.
Il modello didattico Unifortunato, dunque, consente di sostituire con efficacia la funzione propedeutica della lezione in presenza, per rendere disponibile tutte le risorse necessarie in ogni momento in piena interazione con gli altri studenti, i tutor e i docenti.

Approccio alla disciplina: presentazione dei contenuti disciplinari in lingua italiana (salvo specifici percorsi di lingua straniera) tramite filmati multimediali interattivi ed ipertesti di approfondimento;

Studio della disciplina: produzione di attività/elaborati inerenti temi scelti del docente ed organizzati all’interno delle attività collaborative con il supporto del tutor;

Verifica della conoscenza: test di autovalutazione analizzati da docenti e tutor che indicano percorsi di studio guidati; confronto col tutor sulla correttezza e qualità dell’elaborato prodotto all’interno delle attività collaborative; rinvio alle eventuali parti della didattica da rivedere.

Studio Individuale e Studio Collaborativo
Puoi scegliere liberamente, in base al tempo che hai a disposizione e alle tue esigenze personali, come organizzare le attività di studio individuale. Il tutor ed il docente di ogni materia sapranno, di volta in volta, consigliarti la strategia didattica personalizzata più efficace.

Inoltre, puoi sfruttare al meglio i momenti di studio collaborativo confrontandoti con gli altri studenti (nei forum, in chat e attraverso lo scambio di documenti e materiali), avendo a disposizione gli strumenti di assistenza didattica on-line (tutoring e mentoring).

Lo studio individuale è basato principalmente sulla fruizione dei contenuti didattici (learning object). Si tratta di materiali didattici strutturati, predisposti dal docente, in parte “dinamici” ed in parte “statici”:

– lezioni E-learning multimediali e interattive;
– documenti ipertestuali di approfondimento.

All’interno di ogni corso sono sempre disponibili, per essere utilizzati come supporto, strumenti didattici contestuali, quali glossario e bibliografia.

Anche se l’apprendimento individuale avviene in modalità asincrona, per organizzare al meglio il tuo studio hai sempre a disposizione il supporto e l’assistenza del docente e del tutor.

L’apprendimento collaborativo è organizzato in tre attività diverse:

1. apprendimento collaborativo in modalità asincrona (senza vincoli di tempo e di spazio), attraverso le classi virtuali composte da studenti (max. 25) e da tutor di materia ed utilizzando strumenti di interazione e comunicazione asincroni quali: forum, bacheche elettroniche, direct e-mail;
2. apprendimento collaborativo in modalità sincrona (vincolato nel tempo ma non nello spazio), utilizzando strumenti di interazione e comunicazione sincroni quali: chat, messaggistica istantanea;
3. esercizi collaborativi, composti dagli elaborati prodotti dagli studenti nell’ambito delle attività svolte all’interno delle classi virtuali, sotto la supervisione del tutor. Gli esercizi collaborativi possono essere caratterizzati da un lavoro di redazione “incrociato” studente/studente e studente/tutor.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.